u Mountainbike

Il 13 luglio si svolgerà in Val Pusteria la Dolomiti Superbike. © Jens Voegele

Dolomiti Superbike: le medie distanze sono sempre più popolari

Il conto alla rovescia scorre inesorabile: tra due mesi, sabato 13 luglio, si correrà l'Alto Adige Dolomiti Superbike. La maratona di mountain bike più tradizionale del paese si svolge per la 29esima volta. Ancora una volta ci sono tre percorsi tra cui scegliere, questa volta il focus di questa presentazione è sulla media distanza (85 km/2360 hm).

È stato proposto per la prima volta due anni fa alla Dolomiti Superbike dell'Alto Adige e da allora ha riscosso un grande successo tra centinaia di partecipanti: stiamo parlando del percorso centrale, che è lungo 85 chilometri e presenta un dislivello di 2360 metri. Come tutti gli altri percorsi dell'Alto Adige Dolomiti Superbike, inizia nel centro di Villabassa. I partecipanti percorrono poi l'Alta Via di Dobbiaco fino al Silvesteralmmoos, poi il Walderweg e la Via Giovo fino a Versciaco e lungo la Drava fino a San Candido.


Da qui il percorso costeggia il torrente Sesto verso il villaggio degli alpinisti, prima la salita a Baranci e poi la rapida discesa fino a San Candido. Non appena i ciclisti si lasciano Dobbiaco alle spalle, continuano lungo la vecchia linea ferroviaria in direzione Cortina fino a Schluderbach, infine salgono a zigzag fino al rifugio Dürrensteinhütte - anche il punto più alto di questo percorso - e scendono attraverso il pittoresco Plätzwiesen fino a Schmieden e da lì fino a la destinazione a Niederdorf.

Un aumento per tutti coloro per i quali i 60 chilometri sono troppo pochi

“La media distanza è destinata a tutti quei motociclisti per i quali i 60 chilometri sono ormai troppo brevi, ma che non hanno (ancora) il coraggio di affrontare la lunga distanza. Si tratta quindi di un primo miglioramento, di un avvicinamento di 123 chilometri al percorso del nostro re”, spiega Kurt Ploner, impegnato capo del comitato organizzativo di una delle maratone MTB più rinomate al mondo.

Un percorso vario attende i partecipanti. © Jens Voegele


La media distanza è caratterizzata anche dal fatto che i ciclisti trascorrono molto tempo su fondo smosso e ghiaioso. I tratti asfaltati sono limitati negli 85 chilometri con un dislivello di 2360 metri. “Ciò rende il tutto un po’ più impegnativo dal punto di vista tecnico per i partecipanti. Per noi organizzatori c'è un ulteriore vantaggio: possiamo reindirizzare tutti i ciclisti che percorrono il lungo percorso ma che non arrivano a Schluderbach in tempo per la fascia oraria su questo percorso intermedio e inserirli comunque nella classifica," aggiunge Ploner .

Su questa media distanza si svolge anche la gara d'élite femminile. Nel 2022 ha prevalso l’italiana Claudia Peretti, mentre l’anno scorso la tedesca Adelheid Morath si è imposta nella Dolomiti Superbike dell’Alto Adige.

Commenti (0)

Completa le informazioni del tuo profilo per scrivere commenti.
Modifica profilo

Si deve fare loginper utilizzare la funzione commento.

© 2024 First Avenue GmbH